PRELAZIONE DEL COEREDE: I TERMINI PER L'ESERCIZIO

LA DOMANDA Il 27 giugno 2017 ho inviato a mio fratello una raccomandata con ricevuta di ritorno, in cui lo invitavo a esercitare il diritto di prelazione sulla mia parte della casa di famiglia, a fronte di un'offerta esterna di 140mila euro. Il 17 luglio mi ha mandato una raccomandata (sempre con ricevuta di ritorno) in cui affermava di voler esercitare il diritto. Il 12 settembre mi è arrivata un'offerta scritta da 150mila euro, mentre mio fratello non ha ancora versato nulla. Entro quando dovrebbe versare il 20% richiesto? Nella prelazione avevo segnalato il termine di 70 giorni, per cui il tempo limite sarebbe stato il 5 settembre, dunque scaduto. Lui sostiene che i 70 giorni decorrano dal momento della sua risposta del 17 luglio. Chi ha ragione? È ancora valida la prelazione? Mio fratello dovrebbe darmi 140mila euro o posso pretendere 150mila euro per una nuova prelazione?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?