GLI IMPIANTI TERMICI E LO SBOCCO DELLE CANNE

LA DOMANDA A seguito di un'ispezione alle canne fumarie, la ditta che ha eseguito il controllo ha concluso che le stesse non erano più idonee a smaltire i fumi degli scaldacqua installati all'interno dei singoli appartamenti. L'assemblea ha deciso all'unanimità di installare all'esterno, nella zona dei balconi, degli scaldacqua di nuova generazione, in modo da non utilizzare più le canne fumarie condominiali. Due condòmini, per evitare di portare all'esterno tubi dell'acqua e corrente elettrica, hanno deciso di sostituire il vecchio scaldabagno con un altro, praticando un foro per lo smaltimento dei fumi sul muro del loro balcone. Posso anch'io seguire questo esempio, visto che l'installazione di uno scaldacqua da esterno mi provocherebbe diversi problemi, quali la rottura di piastrelle, lo smontaggio e la foratura di mobili della mia cucina? In sostanza, il condominio può obbligarmi a eseguire questi lavori all'interno del mio appartamento, per farmi installare lo scaldabagno sul balcone?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?