ASSEMBLEE, CONVOCAZIONI CON REGOLE NON DEROGABILI

LA DOMANDA Il nuovo amministratore ci ha dato una lettera da firmare in cui il condomino dichiara la volontà di ricevere la convocazione alle assemblee tramite email, sollevando l'amministratore da qualsiasi reponsabilità di mancato invio, con assunzione di responsabilità del condomino stesso a rinunciare a qualsiasi azione giudiziaria di impugnazione dell'assemblea per mancato avviso e/o mancata consegna. In molti hanno aderito. È da ritenersi valida questa procedura? Può l'amministratore, magari su suggerimento di alcuni, aggirare e superare l'obbligo previsto per gli avvisi di convocazione (raccomandata, Pec, fax, consegna diretta)?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?