L'ATTIVITÀ DI AFFITTACAMERE NON È DI PER SÉ VIETATA

LA DOMANDA Abito in condominio e il proprietario dell'appartamento sopra al mio ha messo la casa in affitto tramite Airbnb a prezzi stracciati (10 euro per notte a Milano, in zona vecchia fiera, affittando anche il singolo posto letto in camera doppia o tripla, senza limiti alla possibilità di ospitare amici). Questo trasforma l'appartamento in un porto di mare, con un continuo via vai di persone, rumori notturni, eccetera. A livello condominiale vorremmo vietare quest'attività, perché - se è vero che ogni condomino è libero di affittare la propria casa - qui si configura un servizio che è, di fatto, un affittacamere, e pure di basso livello. Che lo gestisca un privato, anziché una vera e propria impresa, a me - come vicino di casa - non cambia nulla. È possibile porre il divieto? Come possiamo procedere?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?