IMMOBILI «BENE COMUNE» E PRATICHE DI SUCCESSIONE

LA DOMANDA Da una «consultazione delle rendite catastali» sul sito dell'agenzia delle Entrate, risulta che un'unità immobiliare di categoria C/6, a seguito di una sanatoria edilizia, viene qualificata come «bene comune censibile» ex lege 47/1985, ed è priva di soggettivazione.Essendo deceduto il proprietario, all'atto di compilazione della dichiarazione di successione si è constatato che l'immobile è stato realizzato su un terreno pertinenziale a proprietà indivisa tra i due unici condòmini. Inoltre, il condòmino ha, a sua volta, realizzato sul medesimo terreno un altro immobile della stessa categoria e consistenza.Premesso questo, dovendo ricomprendere l'unità immobiliare nella denuncia di successione e procedere alla conseguente voltura catastale, si chiede di sapere quale procedura bisognerebbe mettere in atto per regolarizzare la situazione.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?