LA SCELTA DEL PREVENTIVO PER RISANARE L'EDIFICIO

LA DOMANDA L’assemblea condominiale dello stabile in cui risiedo ha deliberato nel 2012 di predisporre un progetto di risanamento del condominio, a cura di tecnici qualificati, attraverso un’offerta con previsione di progettazione e direzione dei lavori che si andranno ad appaltare. Nel 2014 con apposita delibera le offerte pervenute sono state messe a disposizione di tutti i condòmini e l’assemblea ha deliberato di rinviare alla successiva riunione la scelta dell’offerta. Nelle successive assemblee, però, l’amministratore non ha provveduto a inserire l’ordine del giorno richiesto dall’assemblea. E ora ha convocato l’assemblea per deliberare, invitando i condòmini a presentare altri preventivi. Ritengo vi siano i presupposti per agire nei confronti dell’amministratore, impugnando l’eventuale futura delibera, in quanto non mi sembra corretto invitare i condòmini a presentare preventivi di altri tecnici, in presenza di offerte di cui sono già a conoscenza.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?