LA MANCATA VARIAZIONE DELLA FIRMA IN BANCA

LA DOMANDA Fino a marzo 2016 l'amministrazione del condominio era affidata a uno studio composto da due soci, che hanno successivamente diviso l'attività. L'amministrazione è quindi rimasta in carico a uno solo di loro, il quale non ha però comunicato alla banca la variazione. L'ex socio, che aveva ancora la firma nel conto corrente del condominio, nel 2018 ha prelevato la somma che era disponibile. L'amministratore ha scaricato su di lui l'intera colpa, dicendo che il condominio dovrà autonomamente provvedere per vie legali. In realtà non ha anche l'attuale amministratore delle responsabilità, dal momento che il suo comportamento negligente ha permesso il furto?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?