VINCOLI DI INEDIFICABILITÀ E SOPRINTENDENZA

LA DOMANDA La Soprintendenza di una Provincia italiana da qualche mese sta rigettando le istanze di condono edilizio presentate a norma della legge 724/94 in uno dei Comuni che fanno parte del territorio provinciale. La motivazione è la seguente: «zona soggetta a vincolo (..) per P.U.T dell'anno 1987 che stabilisce l'inedificabilità assoluta». La Provincia, al contempo, sta approvando le istanze di condono presentate con la legge 47/1985 sulle costruzioni realizzate prima del 1987 e prima del 2017 sono state approvate regolarmente le istanze di condono presentate con la legge 724/94. È legittimo il comportamento della Soprintendenza o la legge di condono edilizio supera il vincolo di «inedificabilità assoluta»? Se è legittimo l'attuale comportamento della Sovrintendenza cosa ne sarà dei condoni "illegittimamente" rilasciati fino all'anno 2017? Tale disparità di trattamento a quale organo andrebbe riportata?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?