SPESE PER LA FACCIATA DIVISE TRA TUTTI I CONDÒMINI

LA DOMANDA Bisogna rifare una parte del tetto e la facciata retrostante di un edificio composto da sei appartamenti strutturalmente e catastalmente distinti. Non essendo costituito il condominio, non ci sono le tabelle millesimali né il regolamento. Si può sostenere che le spese, per quanto riguarda la porzione di tetto da riparare, vengano ripartite tra i proprietari degli appartamenti della verticale interessata dai lavori, mentre, per quanto riguarda il rifacimento della facciata retrostante, restino a carico dell'unico proprietario che trarrebbe effettiva utilità dal rifacimento perché solo il suo appartamento è funzionalmente collegato ad essa? Peraltro, tale facciata retrostante è pressoché nascosta alla vista, non altera la fisionomia dell'edificio nel suo complesso, né "partecipa" in alcun modo al suo decoro architettonico.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?