AL NUOVO PROPRIETARIO NON SPETTANO I «CONGUAGLI»

LA DOMANDA In seguito all'acquisto di un immobile all’asta nel 2017, sono stati pagati gli oneri condominiali per l’anno in questione e per l’anno precedente. L’amministratore dello stabile, nella presentazione e successiva approvazione del consuntivo 2016, ha inserito - solamente per l’aggiudicatario come conguaglio di quell’anno - delle somme che si riferiscono agli anni pregressi. Il consuntivo è stato regolarmente approvato anche dal nuovo proprietario che non si è accorto dell’inganno perpetrato a suo danno. Ciò premesso, visto che quest’ultimo inopinatamente ha contribuito all’approvazione del consuntivo, ha l’obbligo di pagare le somme arretrate inserite quale conguaglio oppure se riesce a dimostrare che le somme si riferiscono all’anno 2015 e precedenti può non pagare e resistere all’intimazione di pagamento e successive azioni?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?