ATTO DI VENDITA NULLO CON DIFFORMITÀ CATASTALI

LA DOMANDA Nel 2017 ho venduto una villetta. In allegato all'atto di vendita c'era la visura catastale corrispondente allo stato di fatto e, nell'atto, veniva citata la licenza di costruzione risalente al 1977. In seguito alla decisione dell'acquirente di fare alcuni lavori interni al piano mansardato, si è scoperto in Comune che la licenza di costruzione ha avuto, nel tempo, due varianti (l'ultima nel 1981) e il piano mansardato non corrisponde alla visura catastale. Per poter effettuare i lavori è necessario, in base alle norme edilizie attuali del Comune, una maggior altezza del tetto (che comporta parziale demolizione). L'atto di compravendita è nullo o con una Scia è possibile uniformare lo stato di fatto alla norma edilizia e alla visura catastale?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?