IL PLACET PAESAGGISTICO NON È A CARICO DELL'IMPRESA

LA DOMANDA Circa due anni fa avevo contattato una ditta specializzata per la fornitura di finestre in Pvc, zanazariere e grate di sicurezza, da installare all’esterno delle tapparelle. Le finestre e le zanzariere sono già state installate. Per quanto riguarda le grate, poiché la mia zona è soggetta a vincolo paesaggistico, solo dopo aver accettato il contratto chiesi alla ditta se aveva richiesto la compatibilità paesaggistica: con mia grande sorpresa mi resi conto che erano all’oscuro di tutto. Anche alla luce dell’articolo 181 del Dl 42/2004, chi deve richiedere la compatibilità paesaggistica, il committente o la ditta appaltatrice? E quest'ultima può obbligare il committente ad accettare l’installazione, pur essendo priva delle autorizzazioni necessarie? La ditta appaltatrice non dovrebbe assumersi i rischi di ciò che è presente nel contratto?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?