L'uso abusivo della fognatura è indebito arricchimento

LA DOMANDA Il Comune in cui risiedo mi ha inviato una diffida per l'allaccio alla fognatura pubblica. Io ho risposto affermando che fruisco già della fogna pubblica. La domanda di allaccio, infatti, era stata fatta solo dal proprietario dell'immobile al piano superiore (vivo in una villetta con piano terra e primo piano appartenenti a proprietari diversi, ma con canale di scarico fognario unico, consortile). L'Acquedotto pugliese, previo sopralluogo, mi ha però addebitato tutti i canoni fognatura da 10 anni ad oggi, inviandomi una fattura da 1.900 euro, applicando la prescrizione decennale. Io ho contestato la fattura, invocando invece la prescrizione a cinque anni. L'Acquedotto, però, ha insistito sulla prescrizione decennale, eccependo l'indebito arricchimento. Dipende dal fatto che io non ho mai chiesto formalmente l'allaccio (cosa che invece il mio vicino ha fatto)? Personalmente, non ho mai avuto nessun intento "doloso" e mi sono accorto solo in seguito a questa vicenda di non aver pagato la fognatura. L'ente può invocare l'arricchimento? Ed è davvero escluso, in tal caso, l'articolo 2948, n.4, del Codice civile?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?