Il consigliere può essere parente dell'amministratore

LA DOMANDA Dopo le dimissioni volontarie del precedente amministratore, uno dei condòmini ha consultato, proposto e presentato all’assemblea un nuovo amministratore, la cui nomina è stata approvata all’unanimità. Il condòmino in questione svolge l’incarico di consigliere dei condòmini e si rapporta con l’amministratore in carica. Tra il consigliere e l’amministratore sussiste anche una parentela, non si sa di quale grado. È possibile che condomino parente dell’amministratore possa espletare tale incarico? Da tre anni il consigliere in parola è presente a ogni assemblea come presidente o come segretario, senza che sia chiesta ed effettuata nessuna votazione. L’invito ai condomini per proporre l’incarico di presidente e segretario dell’assemblea a chi compete? Le due candidature devono essere votate e con quale maggioranza approvate?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?