Buoni pasto, sceglie il datore se non c'è disciplina nel Ccnl

LA DOMANDA Un'azienda che volesse introdurre i buoni pasto per la totalità o per una categoria omogenea di lavoratori sarebbe obbligata a erogarli per ogni giornata lavorativa o, a sua discrezione, soltanto per alcune giornate? Ad esempio, supponendo 20 giornate lavorative e l'utilizzo dei ticket elettronici del valore nominale di 7 euro ciascuno, è necessario erogare 20 buoni per ogni dipendente (140 euro mensili) o è possibile, ad esempio, erogarne meno (ad esempio cinque, pari a 35 euro mensili)?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?