Il preliminare è consigliato ma non obbligatorio

LA DOMANDA Sto contrattando con un'agenzia immobiliare per l'acquisto della prima casa. Ho presentato una proposta firmata e allegato un assegno di 18mila euro intestato al proprietario. La proposta non è stata firmata dal proprietario, che non è raggiungibile a causa di impegni di lavoro. Sono passati due mesi e prima mi è stato detto che la moglie non trovava la procura a vendere in originale, ora pare che il proprietario abbia un ripensamento.L'agenzia ha pensato di rinnovare la mia offerta un'ultima volta e, per abbreviare i tempi, di non stipulare un compromesso firmato e registrato all'agenzia delle Entrate, ma di andare direttamente dal notaio per il rogito. Vorrei chiedere se è legale, perché mi pare di avere letto che il preliminare dev'essere fatto e registrato comunque, pena sanzioni elevate. Inoltre, vorrei sapere a che rischio mi espongo lasciando in agenzia l'assegno, dato che la proposta firmata è scaduta.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?