«Cpi» per l'autorimessa: il condomino può agire

LA DOMANDA Rappresento una società a responsabilità limitata che ha acquistato, tramite asta pubblica, un'autorimessa di circa 400 metri quadri che si trova al piano -2 di un edificio. La società ha provveduto alla realizzazione di 100 box, con le dovute autorizzazioni in riferimento al piano interrato -2, in quanto il piano -1 è di altra proprietà. I piani fanno capo a un unico regolamento condominiale e al -2 vi sono i motori dell'impianto consortile e il generatore di corrente. Siccome gli amministratori del condominio che si sono succeduti negli anni non hanno mai chiesto agli enti preposti gli attestati di sicurezza per la messa in funzione dell’impianto antincendio, nonostante gli innumerevoli solleciti anche all’attuale amministratore in carica, può la mia società, proprietaria dei box al piano -2, procedere al sezionamento dell’impianto antincendio in modo da richiederne la certificazione autonomamente? I box costruiti sono pronti per la vendita e, per tale ragione, necessitano al più presto del certificato di prevenzione incendi.

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?