Stalking in condominio perseguibile a querela

LA DOMANDA Da quando ci siamo trasferiti nell'attuale appartamento, l'inquilina del piano di sotto ha iniziato ad apostrofare i miei familiari con epiteti a volte poco gradevoli, ripetutamente. Ora, dichiarando il falso, è arrivata a querelare mio genero, che ha deciso di non presentarsi più, sine die, per evitare ulteriori incontri/scontri (e mia figlia è pronta a fare lo stesso). Abbiamo presentato un esposto presso il locale commissariato di Polizia che, accogliendo la deposizione (falsa ) dell'inquilina, ha minimizzato consigliandoci di non far caso a questa situazione, sperando che nel tempo tali insulti cessino. La decisione di mio genero contrasta con quanto consigliato. Non posso veder divisa la mia famiglia per colpa di questa situazione. Cosa posso fare?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?