Vendita all'asta: al creditore va la quota parte del debitore

LA DOMANDA Io e mio fratello possediamo il 66% (33% ciascuno) di un immobile. Il restante 33% è in possesso di un altro fratello, che ha dei debiti con l’ex moglie (100mila euro), la quale ha pignorato la sua quota di immobile. In caso di vendita all'asta dell'immobile, al creditore spetterebbe il 33% dell'importo (e quindi, se per esempio l'immobile venisse venduto a 210mila euro, spetterebbero solo 70mila euro), oppure tutti i 100mila euro (anche a discapito delle altre quote, se l'importo della vendita non superasse i 300mila euro)?Abbiamo provato ad accordarci per pagare al creditore i 100mila euro e acquistare la sua quota, ma non riusciamo a trovare l'accordo e andremo all'asta. In assenza di accordo tra le parti, all'asta andrà il 100% dell'immobile o solo la quota (33%) del debitore? Io e mio fratello possiamo acquistare all'asta esclusivamente la quota del terzo fratello (debitore) o dobbiamo presentare l'offerta per tutto l'immobile?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?