Revoca per l'amministratore che «salta» la formazione

LA DOMANDA Un amministratore di condominio professionista (gestisce da 10 anni due condomini; non è condomino in nessuno dei due), non svolge attività di formazione periodica in materia di amministrazione condominiale. La maggioranza dei condòmini è consapevole di questo, ma non vi attribuisce molta importanza (né dà importanza all'evidente trascuratezza nella gestione), per cui lo conferma come amministratore. La relativa delibera è nulla (come sembrerebbe suggerire anche una recente sentenza del Tribunale di Padova) oppure annullabile? Quale sarebbe il destino dei negozi giuridici (tra cui un contratto di appalto) posti in essere dall'amministratore successivamente? Nulli/annullabili anch'essi? La situazione verrebbe sanata retroattivamente qualora, in seguito, l'amministratore riuscisse a ottenere l'attestato di formazione periodica?

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?