Amministrativo

Regioni, no all'aumento delle partecipazioni in società che perseguono fini non istituzionali

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Le Regioni, in qualità di enti pubblici a finalità generale, non possono decidere di aumentare la propria quota di partecipazione azionaria in una società che esercita un'attività imprenditoriale, non essendo sufficiente a tal proposito l'esigenza di mantenere in vita la struttura produttiva o salvaguardare i «livelli occupazionali nel territorio regionale». Se ciò fosse ammissibile, invero, tali enti territoriali sarebbero abilitati a porre in essere interventi pubblici di salvataggio di realtà produttive locali, determinando di fatto un impegno per la ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?