Amministrativo

Si va al sorteggio solo se non ci sono alternative

di Guglielmo Saporito

In caso di parità tra offerte in una gara d’appalto, si può ricorrere al sorteggio se ci sono due requisiti: la totale equivalenza tra i partecipanti e l’ oggettiva impossibilità di esprimere migliori offerte. Lo ha stabilito il Tar di Salerno, con la sentenza n. 1627 depositata il 21 novembre. La questione ricorda quella della sconfitta di Milano in sede europea per la scelta della sede dell’Ema (l’autorità farmaceutica Ue), anche se non si trattava di un appalto. Il ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?