Amministrativo

Niente compenso aggiuntivo al commissario ad acta per gli indennizzi della legge Pinto

di Paola Rossi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Il commissario ad acta nominato nel giudizio di ottemperanza di una decisione derivante dalla legge Pinto non ha diritto a un compenso aggiuntivo. E neanche se questa somma si intenda - per non violare il principio dell'onnicomprensività della retribuzione dei dipendenti pubblici - farla confluire nel fondo destinato al trattamento accessorio per la dirigenza. Dice, infatti, l'ordinanza n. 589/2018 del Tar Molise, che ha rigettato l'istanza di remunerazione avanzata dal commissario, che così si andrebbe a favorire proprio quella ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?