Amministrativo

I benefici agli ebrei perseguitati dal fascismo non posso essere riconosciuti basandosi sulle leggi razziali

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

« I benefici riconosciuti dallo Stato agli ebrei perseguitati dal fascismo non possono essere accordati rifacendosi alle leggi razziali, essendo ratio della norma di compensare con attribuzioni economiche pregiudizi patiti da soggetti (cittadini italiani) per il fatto in sé di avere un'origine ebraica». Questo il principio espresso dal Consiglio di Stato con la sentenza 12 ottobre 2018 n. 5896. Secondo i magistrati amministrativi la pretesa dell'Amministrazione di ancorare l'origine ebraica del ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?