Civile

Comune responsabile per il suicidio sul luogo di lavoro del vigile depresso

di Daniela Casciola

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Il Comune è responsabile per il suicidio sul luogo di lavoro del vigile urbano depresso. Avrebbe dovuto adottare misure più incisive in grado di evitare la tragedia. Lo ha stabilito la Cassazione, con la sentenza n. 23952/2017depositata ieri, che ha reso definitiva la sentenza d'Appello, respingendo il ricorso dell'ente locale. La vicenda - Il Comune di Roma dovrà risarcire la famiglia di un vigile urbano che si era tolto la vita nel 2003 negli uffici ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?