Civile

DIFFAMAZIONE - Cassazione n. 28494

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Curzio Maltese dalle colonne di Repubblica non diffamò la Rai né l'allora direttore generale quando scrisse che la tv pubblica, cedendo alle insistenze dei politici, sconfessò la trasmissione report relativa alla mafia in Sicilia, mandando in onda una puntata “riparatrice” in cui si parlava delle cose buone dell'isola. Per la Cassazione è vero che la trasmissione in positivo ci fu, e il giornalista non può essere censurato per le sue congetture sulle pressioni politiche che hanno indotto la rai ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?