Civile

Notaio senza colpa se il mutuatario inganna la banca con falsa identità

Giampaolo Piagnerelli

Il notaio che di fatto faccia da intermediario tra il soggetto mutuatario e la banca non può essere considerato responsabile se il beneficiario inganni la buona fede del professionista mostrando documentazione falsa. Lo chiarisce la Cassazione con la sentenza n. 28823/17. La Corte ha chiarito infatti quale sia l'onere principale a carico del notaio, ossia identificare il beneficiario. Verifica che nell'attuale normativa non deve essere più condotta “personalmente” ossia il notaio non è tenuto ad avere una preventiva ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?