Civile

Prezzo simulato, vale scrittura privata firmata per ultima

di Antonino Porracciolo

Se è incontestata la simulazione del prezzo di vendita indicato nel rogito notarile, il problema dell’accertamento dell’effettiva volontà delle parti si sposta sul contenuto dei contratti preliminari. E, in mancanza di una scrittura privata che chiarisca la reale volontà dei contraenti, il giudice deve logicamente aver riferimento all’accordo firmato per ultimo. Sono queste le conclusioni a cui è giunta la Corte d’appello di Lecce nella sentenza 729 depositata il 5 luglio scorso. La ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?