Civile

Il bar è legittimo ma il rumore dei clienti resta sempre vietato

di Cesare Rosselli

Con la sentenza 2730 del 2017 la Corte d’appello di Milano è ritornata su un tema centrale: la destinazione di unità immobiliari site in un condominio ad attività vietate dal regolamento. Nel caso sottoposto alla Corte il regolamento condominiale di tipo contrattuale conteneva la seguente prescrizione: «(...) gli appartamenti e i locali in genere del condominio (...) non potranno avere destinazioni dalle quali derivino esalazioni nocive e rumori molesti». Il condominio aveva lamentato la violazione della disposizione ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?