Tributario

Cessione d’azienda: cade l’induttivo del Fisco se il contribuente prova le sue ragioni

Giampaolo Piagnerelli

L'Ufficio può procedere con l'accertamento induttivo solo in presenza di indizi gravi, precisi e concordanti e quindi non può emettere un avviso di accertamento sulla sola constatazione che un'attività sia proseguita attraverso altra società. A maggior ragione se il contribuente ha fornito adeguate spiegazioni. Questo il significativo principio espresso dalla Cassazione con la sentenza n. 2935/2018. A fronte di una rettifica i contribuenti, fra l'altro, avevano eccepito l'irregolarità della ripresa a tassazione della plusvalenza derivata dalla presunta cessione d'azienda. ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?