Civile

Divorzio, no all’aumento dell’assegno se l’ex lascia il lavoro

Francesco Machina Grifeo

L'ex coniuge che si dimette dal lavoro, sulla base di una scelta di vita del tutto personale, non può poi pretendere la maggiorazione dell'assegno divorzile. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sentenza n. 3015 del 7 febbraio 2018, aggiungendo che dopo la cosiddetta sentenza Grilli (la n. 11504 dello scorso anno), il tenore di vita matrimoniale non è più un parametro di riferimento. L'unico discrimine rimasto infatti è il raggiungimento o meno della autosufficienza economica. La Corte ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?