Civile

Contributi comunitari agricoli anche all'avvocato, prevale norma Ue

Francesco Machina Grifeo

L'indebita percezione di aiuti comunitari nel settore agricolo non scatta nel caso in cui la qualifica di imprenditore agricolo sia richiesta dalla normativa nazionale ma non prevista dai regolamenti comunitari. La Cassazione, sentenza n. 4058 del 20 febbraio 2108, ha così accolto il ricorso di un avvocato, condannato ad una sanzione di 20mila euro, pari all'aiuto comunitario percepito per “lavori di imboschimento”, perché non possedeva la qualifica di imprenditore agricolo. La Corte di appello di Catanzaro, invece, accogliendo il ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?