Civile

Cure salva-vita anche se manca il consenso del paziente

di Michol Fiorendi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

I medici devono assicurare al paziente le cure salva-vita, anche se manca il consenso informato del paziente stesso, non in grado, per le sue condizioni di salute, di esprimersi. E neppure una decisione dell’amministratore di sostegno del soggetto in cura può sostituire o colmare la mancanza del suo consenso informato, a maggior ragione se il decreto di nomina non conferisce all’amministrazione di sostegno alcun potere di natura medico-sanitaria a favore del paziente, beneficiario della sua tutela. Sulla base di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?