Civile

Svolgimento di mansioni superiori dirigenziali, niente retribuzione di risultato per il dipendente

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Il dipendente pubblico che svolge mansioni superiori in relazione ad un ufficio dirigenziale non ha diritto alla retribuzione di risultato per il solo fatto di aver svolto funzioni dirigenziali. Tale voce retributiva è, infatti, connessa alla verifica dei risultati di gestione, il cui raggiungimento deve essere previamente determinato. Ad affermarlo è la Sezione lavoro della Cassazione con la sentenza 4622, depositata ieri. Il caso - All'origine della controversia c'è la richiesta da parte di una dipendente del ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?