Civile

Sull’opera d’arte vigila la Consob

di Angelo Busani ed Elisabetta Smaniotto

Non è un’opera d’arte ma un prodotto finanziario l’oggetto del contratto di compravendita con il quale un’opera d’arte viene venduta a un prezzo scontato (del 5-7% rispetto a un dato listino) e concedendo all’acquirente un diritto di “ripensamento”, e cioè la facoltà per l’acquirente di risolvere il contratto di compravendita e di ottenere (restituendo l’opera d’arte) la corresponsione di un importo pari al prezzo di listino dell’opera d’arte, con ciò garantendosi, di fatto, un rendimento finanziario della somma investita. ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?