Civile

Poche lettere in più non escludono la concorrenza sleale

di Antonino Porracciolo

Costituisce concorrenza sleale l’uso del termine già utilizzato da un altro imprenditore, anche se il concorrente aggiunge poche lettere che, comunque, non consentono di escludere la confusione tra prodotti e servizi delle due imprese. È questa la conclusione a cui è giunto il tribunale di Catanzaro, sezione specializzata in materia d’impresa in un’ordinanza del 2 febbraio. Con provvedimento del settembre 2017 il giudice monocratico del tribunale calabrese aveva inibito a una Srl l’uso del segno distintivo riprodotto nella propria ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?