Civile

La toga non può nominare il consulente amico

di Patrizia Maciocchi

Sanzionato il magistrato che affida l’incarico di consulenza a un commercialista con il quale ha un «rapporto privato di speciale intensità». La Corte di cassazione, con la sentenza 9156 depositata ieri, respinge il ricorso della toga incolpata per la violazione del codice deontologico. In particolare la contestazione riguardava il mancato rispetto della legge 109/2006 (articoli e 2 lettera g), che scatta in caso di ignoranza o negligenza inescusabile. Alla base dell’“accusa” l’affidamento di una consulenza ad un commercialista, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?