Civile

Demansionamento, danno biologico anche se la psicosi era latente

Francesco Machina Grifeo

La “predisposizione” alla malattia psichica (accertata dal Ctu) nel dipendente demansionato, non può essere addotta dal datore di lavoro per escludere la propria responsabilità nell'insorgere della malattia e dunque non risarcire il danno biologico. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza n. 10138/2018, respingendo il ricorso dell'Inps condannato, dalla Corte di appello di Venezia, al pagamento di 13.550 euro per il risarcimento del danno biologico arrecato ad un ex dipendente Inpdap. Il giudice di merito aveva ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?