Civile

Non c’è servitù se i posti auto sono a sorteggio

di Adriano Pischetola

Se il diritto di parcheggiare su due posti auto situati su un fondo servente spetta ai proprietari dei fondi dominanti (ben 24) solo in base ad un sorteggio da farsi annualmente con le modalità indicate nel regolamento condominiale, non c’è l’inerenza dell’utilità contestuale a favore dei fondi dominanti. Quindi manca un elemento essenziale per qualificare la relativa pattuizione contrattuale come servitù, comportandone la nullità e comunque la inopponibilità al proprietario del presunto fondo servente, in considerazione della sua ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?