Civile

Terreni, la clausola di risoluzione se il progetto non viene approvato scioglie il contratto

di Mario Piselli

In relazione al preliminare di vendita di un terreno, la clausola che ne preveda la risoluzione, in caso di mancata approvazione dalle competenti autorità comunali di un progetto di lottizzazione, è da qualificare proprio come condizione risolutiva, la quale postula che le parti subordinano la risoluzione del contratto, o di un singolo patto, a un evento, futuro e incerto, il cui verificarsi priva di effetti il negozio ab origine. Così si sono espressi i giudici della ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?