Civile

Licenziamento nullo se anticipato

di Angelo Zambelli

È nullo il licenziamento del dipendente intimato in costanza di malattia prima della fine del periodo di comporto. Nel caso portato all’attenzione della Cassazione a sezioni unite (sentenza 12568/2018), il datore di lavoro era receduto dal rapporto di lavoro non appena ricevuto un certificato di malattia recante una prognosi tale da determinare il superamento del periodo massimo di conservazione del posto, senza quindi attendere il suo compiuto esaurimento. Per la Suprema corte, il licenziamento intimato per superamento del ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?