Civile

Non tutto il capitale va diviso in categorie diverse di quote

di Angelo Busani

L’innovazione più rilevante apportata nel mondo della Srl-Pmi dalla riforma del 2017 è senz’altro quella della suddivisibilità del capitale sociale in “categorie” di quote. La riforma del 2003 aveva infatti sancito, come principio generale della Srl, il fatto che le quote di partecipazione al capitale di una Srl fossero tutte dotate di identici diritti (e, quindi, non si rendeva plausibile una suddivisione del capitale in “categorie” di quote); l’unica eccezione che si poteva provocare, rispetto a questo assetto, mediante ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?