Civile

Si prescrive in dieci anni il diritto all'indennizzo per l’inumana detenzione

di Fabio Fiorentin

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Il diritto all'indennizzo del pregiudizio subìto di chi è stato detenuto in violazione dell'articolo 3 della Convenzione europea dei diritti dell’Uomo si prescrive in dieci anni. Lo hanno stabilito le Sezioni unite civili della Cassazione con la sentenza 11018 pubblicata l’8 maggio scorso, che ha risolto un contrasto giurisprudenziale insorto circa la natura giuridica del “rimedio compensativo” di cui all’articolo 35-ter della legge 354/75 (ordinamento penitenziario) e l’individuazione del relativo termine di prescrizione. Il contrasto ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?