Civile

Spetta alla società provare il danno se l'Ad viola gli obblighi informativi

di Patrizia Maciocchi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Spetta alla società provare il danno se l'amministratore tace sul rapporto di parentela con un membro dell'organo di consulenza che si deve esprimere sulla convenienza di un'operazione di finanziamento di società estere. La Cassazione, con la sentenza 14072, respinge il ricorso della Spa, che contestava la responsabilità dell'Ad per aver agito in conflitto di interessi omettendo di riferire il dato importante della parentela. Una condotta che, ai fini dell'affermazione di responsabilità, anche il Tribunale con il verdetto impugnato aveva ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?