Civile

Non perde la potestà la madre che per lavoro trasferisce il figlio in un'altra città

di Patrizia Maciocchi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Non perde la patria potestà la madre separata che, anche senza il consenso del padre, porta il figlio in un'altra città dove trova un lavoro, dopo aver perso l'impiego precedente, e dove ha l'appoggio della sua famiglia. La Cassazione, con la sentenza 15949, respinge il ricorso del padre del bambino contro la decisione della Corte d'Appello di cancellare il verdetto con il quale il Tribunale dei minori aveva dichiarato la decadenza della responsabilità genitoriale della madre. Una decisione severa ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?