Civile

Sei atti in un’ora denotano la scarsa diligenza del notaio

di Patrizia Maciocchi

La frettolosità del notaio può essere dedotta dal tempo dedicato alla stipula dell’atto, se non è neppure sufficiente a leggerlo. In tal caso spetta al professionista l’onere di provare la corretta esecuzione della prestazione. La Corte di cassazione, con la sentenza 14822 del 7 giugno scorso conferma la sanzione disciplinare della sospensione per cinque mesi a carico del notaio al quale oltre alla “fretta” era stata addebitata anche l’illecita concorrenza nei confronti dei colleghi. Alla base di questa ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?