Civile

Distanze per vedute e tra costruzioni, nessuna integrazione tra le normative

di Mario Piselli

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

A differenza dell'articolo 873 del codice civileche è volto a evitare la formazione di intercapedini dannose, e a tutelare gli interessi generali dell'igiene, decoro e sicurezza degli abitanti, consentendo agli enti locali di stabilire distanze maggiori, secondo una valutazione particolare degli interessi collettivi, l'articolo 905 del codice civileè diretto a salvaguardare i fondi dalle indiscrezioni derivanti dall'apertura di vedute negli edifici vicini e a tutelare interessi esclusivamente privati, per cui non c'è spazio per una integrazione della previsione di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?