Civile

Locazioni, le esigenze abitative del conduttore non trasformano il contratto uso ufficio

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Nell'ipotesi in cui venga stipulato un contratto di locazione transitoria di un immobile ad uso ufficio, ma tale immobile venga poi adibito dal conduttore ad abitazione stabile e primaria, ovvero per motivi di lavoro, si configura una simulazione relativa soltanto se risulti formalmente la volontà delle parti di concludere una locazione per uso ufficio e sia dimostrata la volontà di entrambe di concludere il contratto dissimulato. In tal caso, il conduttore che pretende di applicare le norme sulla locazione ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?