Civile

Per l'omessa conservazione della cartella clinica responsabile solo la struttura sanitaria

di Mario Piselli

In tema di responsabilità sanitaria, il principio della vicinanza della prova, fondato sull'obbligo di regolare e completa tenuta della cartella clinica, le cui carenze e omissioni non possono andare a danno del paziente, non può operare in pregiudizio del medico per la successiva fase di conservazione. Lo ha detto la Cassazione con l’ordinanza n. 18567 del 13 luglio. Per i giudici della sezione terza civile dal momento in cui l'obbligo di conservazione si trasferisce sulla struttura ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?