Civile

Obbligazioni: il ritiro della somma depositata costituisce accettazione tacita

di Mario Piselli

Il ritiro senza riserve, da parte del creditore, della somma depositata nell'ambito del procedimento di liberazione coattiva del debitore, costituisce accettazione tacita del deposito, e determina, ai sensi dell'articolo 1210, comma 2, con efficacia ex tunc , l'effetto liberatorio per il debitore. Così la Cassazione, con la sentenza 19 luglio 2018 n. 19261. Il successivo rifiuto del creditore è dunque inefficace e inidoneo a incidere su una fattispecie estintiva già realizzatasi, cui corrisponde, in capo ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?